Se ne va Bruno Sammartino, addio Living Legend

Poter parlare di Bruno Sammartino in poche righe è impossibile. Per poter comprendere lo spessore di questo personaggio basta una semplice cifra: 2803. Tanti sono stati i giorni consecutivi nei quali Sammartino ha detenuto la cintura di campione della WWWF, nota in seguito dal 2001 come WWE. A questa cifra se ne aggiunge un’altra: 1237, ovvero il numero di giorni in cui ha detenuto la cintura la seconda volta. Combinando le due cifre otterremo un’ultima cifra: 4.040. Sammartino è stato campione dell’attuale WWE per circa 11 anni, un’eternità. Basti pensare che l’unico wrestler in attività che si “avvicina” a questa cifra è un’altro lottatore di origini italiane: John Cena, che ha conquistato il titolo in 13 occasioni per un totale di 1254 giorni. Il campione di Pizzoferrato, città in provincia di Chieti che l’anno scorso l’ha omaggiato con una statua, è stata un’eccellenza italiana, tanto da ottenere il nomignolo di “vero stallone italiano” oltre che il riconoscimento di “Hall of Famer” della WWE nel 2013 (introdotto dall’amico  Arnold Schwarzenegger). Addio “Living Legend”.

Alessandro Caputo